L’ansia

0
376
Gambe in Gamba Magazine: ragazzo ansioso

L’ansia, quando non sfocia in un disturbo patologico, può essere tenuta a bada con i probiotici. Sono arrivati a questa conclusione i ricercatori di due delle principali Università italiane (Tor Vergata e Sapienza), e i medici del Policlinico Gemelli. La ricerca ha meritato anche la pubblicazione sul Journal of Transactional Medicine, tra la maggiori riviste scientifiche di settore.

Oggetto dello studio è stato il “microbiota intestinale“, che tradotto in termini comprensibili è l’insieme dei microrganismi che abitano l’intestino umano. In soggetti ansiosi, l’impiego di probiotici ha dato ottimi risultati. Del resto, come spiega Antonino De Lorenzo: (direttore della Scuola di specializzazione in scienze dell’alimentazione di Tor Vergata) «Ad oggi sono conosciuti solo il 10% degli effetti della flora batterica».

Così, assieme al professor Antonio Gasbarrini del Policlinico Gemelli è stato creato un network per affrontare questo grande tema della ricerca. Resta da analizzare e scoprire le caratteristiche e gli effetti del restante 90%. Piccola curiosità, nella sperimentazione portata a termine la terapia con probiotici scelti ad hoc ha portato effetti anche a chi è colpito da sovrappeso o da sindrome metabolica.

Anche in assenza di una dieta c’è stata una leggera modulazione della composizione corporea, con un calo di peso e una riduzione del tessuto adiposo. Se qualcuno stesse già pensando di dimagrire assumendo probiotici, però, meglio lasciar perdere. L’unico modo è seguire un regime alimentare sano e, perché no, praticare un po’ di sport.

Luca Scaramuzzino è laureato in medicina e chirurgia presso il Campus Bio-Medico di Roma (2016), dove è stato interno per due anni nell'unità operativa di chirurgia plastica e ricostruttiva ed ha svolto la tesi sul trattamento delle ulcere. Ha partecipato a numerosi corsi, di scleroterapia e medicina estetica. Attualmente affianca il padre nel suo lavoro di flebologo e con lui condivide numerose passioni tra le quali la fotografia. Ha partecipato alla realizzazione del libro “Alla gente del Mali” (2012) e all'omonima esposizione presso il P.A.N. di Napoli.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.