Flavonoidi: composti chimici naturali diffusi nelle piante

0
1123
Gambe in Gamba Magazine: i flavonoidi, sono composti chimici naturali diffusi nelle piante
Cardo mariano

Che cosa sono i flavonoidi?

I flavonoidi sono composti chimici naturali chiamati “spazzini” dei radicali liberi per il loro alto potere antiossidante. Giocano un ruolo essenziale contro le malattie, mantenendo sani più organi importanti e svolgendo compiti fondamentali in varie azioni quali:

  • antinfiammatoria, per inibizione del rilascio di mediatori dell’infiammazione e stabilizzazione delle membrane cellulari;
  •  azione diuretica per inibizione della fosfatasi renale;
  • azione spasmolitica sulla muscolatura bronchiale e a livello dell’intestino;
  • antiallergica, potenziando l’azione antitossica epatica;
  • anti-infettiva e preventiva per le malattie cardiache, riducendo l’adesività delle piastrine nel sangue;
  • antitumorale, prevenendo la formazione dei carcinogeni nel tratto intestinale;
  • chelante, ovvero catturano, neutralizzano ed eliminano i metalli pesanti.

Ultimamente sono stati condotti studi sperimentali ed i flavonoidi hanno dimostrato di possedere proprietà protettive sulle cellule del tessuto nervoso (neuroni) e del tessuto vascolare (endoteliali), e di agire sui meccanismi potenzialmente coinvolti nella patofisiologia della depressione. In particolare, hanno rivelato un’azione anti-infiammatoria sui neuroni, di controllo sulla morte cellulare per apoptosi (morte programmata della cellula) e di aumento del flusso sanguigno. I flavonoidi o bioflavonoidi sono contenuti principalmente nelle piante. Hanno un effetto sinergico alla vitamina C, per questo talvolta vengono indicati anche sotto il nome di vitamina C2.
Il loro nome deriva da “flavus” ovvero “giallo” per via del colore che danno alle piante. I flavonoidi hanno anche funzione di “scavenger” e possono inibire la produzione, l’aggregazione e l’adesività delle piastrine. Nel regno vegetale proteggono la pianta dagli effetti dannosi delle radiazioni solari, dalle aggressioni di patogeni ed intervengono attivamente nel suo metabolismo (crescita, respirazione, processi enzimatici, fotosintesi, attrazione visiva degli insetti utili per l’impollinazione). La classe dei flavonoidi, in natura, è piuttosto ampia; si conoscono più di 5000 composti ed il loro effetto terapeutico dipende in larga misura dal fitocomplesso.

Il cardo mariano, per esempio, espleta principalmente un’azione epatoprotettiva (stimola la funzionalità del fegato e lo protegge dalle tossine), il thè verde è particolarmente noto per le sue proprietà antiossidanti ed “anti-invecchiamento“, mentre l’ippocastano vanta un’importante azione protettiva e rinforzante sul microcircolo, una proprietà esaltata dalla contemporanea associazione di vitamina C. Analogo discorso per il vino rosso, che a dosi moderate influenza positivamente la salute cardiovascolare grazie alla sua ricchezza di flavonoidi e di altri polifenoli come il resveratrolo. In ambito farmaceutico, invece, si possono trovare in compresse che contengono particolari molecole, come: la rutina, che produce un’azione trofica sulla parete endoteliale; la diosmina, che regola la permeabilità dei vasi aumentando il tono venoso; la centella, che sintetizza il collagene quindi indicata per il gonfiore alle caviglie ed al trattamento della cellulite; l’esperidina, che ripara il danneggiamento del tessuto endoteliale.

I flavonoidi sono assunti prevalentemente sotto forma di integratori alimentari, che in funzione della diversa composizione dei principi attivi, sono più efficaci nel miglioramento di uno specifico disturbo.

Nello specifico ecco alcuni integratori alimentari a base di flavonoidi con specificati i disturbi sui quali hanno efficacia.

Il Flavoplus è composto da 4 componenti (Diosmina, Esperidina, Rutina, Centella) tutti flavonoidi con azione venotrofica volti a migliorare il microcircolo, ridurre la flogosi e regolare la permeabilità capillare.

Il Maxidren è invece composto da (Betulla, Centella, Pilosella e Meliloto) , è disponibile sia in compresse sia come liquido da diluire in acqua, in questo caso la sinergia tra i vari componenti funge da coadiuvante della terapia drenante, depurativa, nel sovrappeso e negli edemi.

In ultimo esistono anche delle formulazioni in crema che uniscono all’idratazione i benefici dei flavonoidi sulla cute. Il Tonogel è composto da (Rusco, Escina, Amamelide, Arnica, Calendula, Aloe). Grazie ai suoi costituenti fornisce una sensazione di benessere alle gambe, idrata e dona una sensazione di freschezza all’epidermide.

Luca Scaramuzzino è laureato in medicina e chirurgia presso il Campus Bio-Medico di Roma (2016), dove è stato interno per due anni nell'unità operativa di chirurgia plastica e ricostruttiva ed ha svolto la tesi sul trattamento delle ulcere. Ha partecipato a numerosi corsi, di scleroterapia e medicina estetica. Attualmente affianca il padre nel suo lavoro di flebologo e con lui condivide numerose passioni tra le quali la fotografia. Ha partecipato alla realizzazione del libro “Alla gente del Mali” (2012) e all'omonima esposizione presso il P.A.N. di Napoli.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.